Comitato d'onore

Numerosi personaggi di spicco del mondo dell’imprenditoria, del giornalismo e delle istituzioni sostengono la diffusione del nostro master aderendo al Comitato d’Onore, presieduto dall’ambasciatore Umberto Vattani.

Umberto Vattani

Nato a Skopje (Repubblica di Macedonia) il 5 dicembre 1938, ha studiato in Francia, in Inghilterra e negli USA alla Wesleyan University, con una borsa di studio Fulbright. Nel 1960 ha conseguito la laurea in giurisprudenza all’Università degli Studi di Roma "La Sapienza" e nel 1962 la laurea in scienze politiche. Dopo un periodo presso l'ufficio studi della Banca d'Italia, nel 1962 entra nella carriera diplomatica, con esperienze a New York alla rappresentanza italiana presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite, a Parigi alla rappresentanza italiana presso l’OCSE, a Londra come consigliere d'ambasciata, a Bonn come ambasciatore, a Bruxelles come ambasciatore rappresentante italiano presso l'Unione Europea. E' stato consigliere diplomatico di numerosi Presidenti del Consiglio, e "sherpa" per i vertici G7. E' stato segretario generale del Ministero degli Esteri dal 1997 al 2001, e nuovamente dal 2004 al 2005, unico diplomatico nella storia della Repubblica ad aver ricoperto per due volte la carica. Nel 2005 Vattani è stato nominato dal Consiglio dei Ministri presidente dell’Istituto Nazionale per il Commercio Estero e nel 2009 è stato riconfermato per un secondo mandato. È presidente della Fondazione Italia Giappone. È inoltre presidente della Venice International University, un centro internazionale di formazione avanzata e ricerca con sede a Venezia, che raccoglie 12 prestigiose università di tutto il mondo. E' membro onorario del Senato Accademico della Libera Università di Berlino, ed è stato docente di Storia dell'Integrazione Europea presso l'Università LUISS a Roma.

 

Renato Balduzzi

Nato a Voghera (PV), il 12 febbraio 1955. Giurista, è professore ordinario di diritto costituzionale all'Università Cattolica del Sacro Cuore. Esperto di diritto costituzionale, è componente del Consiglio Superiore della Magistratura ed è stato ministro della Salute del governo Monti, deputato nella XVII Legislatura e presidente della Commissione parlamentare per le questioni regionali. È stato professore ordinario di diritto costituzionale nell’Università del Piemonte Orientale “A. Avogadro”. Presso il medesimo ateneo è coordinatore del Dottorato di ricerca in “Autonomie locali, servizi pubblici e diritti di cittadinanza”. Ha insegnato “Istituzioni di diritto pubblico”, “Diritto parlamentare”, “Dottrina generale dello Stato” e “Tecnica della normazione” nell’Università di Genova. Ha insegnato altresì “Diritto costituzionale italiano e comparato” nelle Università di Genova e di Torino; in quest'ultima Università ha insegnato anche “Istituzioni di diritto pubblico”. È autore di oltre centodieci pubblicazioni tra monografie, saggi specialistici e note a sentenza prevalentemente in materia di fonti del diritto, diritto regionale, diritto elettorale, ordinamento delle forze armate, diritti sociali e organizzazione sanitaria, diritti di libertà, giustizia costituzionale comparata, organi di controllo dell’Unione Europea, diritto degli enti locali, drafting legislativo, biotecnologie. Dal 2002 è responsabile dell’Osservatorio sulle politiche sociali e sanitarie del Centro di ricerca sulle pubbliche amministrazioni Vittorio Bachelet dell’Università Luiss.

 

Luigi Berlinguer

Nato a Sassari 25 luglio 1932. Laureato in giurisprudenza all’Università di Sassari. Ha svolto la sua carriera accademica all’università di Siena dove ha ricoperto, tra gli altri, i ruoli di direttore del Dipartimento di studi politici, di storia politico-giuridica e successivamente, quello di presidente della Commissione d’Ateneo. E’ stato Rettore dell’Università di Siena dal 1985 al 1994 e Segretario Generale della Conferenza permanente dei rettori italiani dal 1989 al 1994. Direttore della Rivista Democrazia e Diritto dal 1971 al 1984 e autore di numerose pubblicazioni. E’ stato inoltre membro della Deputazione Amministratrice del Monte dei Paschi di Siena. E’ stato eletto deputato nel 1963, 1994 e 1996, e senatore nel 2001. Ministro dell’Università nel governo Ciampi, ministro della Pubblica istruzione nei governi Prodi I, D’Alema I e II. Nel quadriennio 2002-2006 è stato membro del Consiglio Superiore della Magistratura e dal 2004 al 2007 ha fondato e presieduto la Rete Europea dei Consigli di giustizia. E’ Presidente del Comitato per lo sviluppo della Cultura Scientifica e Tecnologica. Direttore della rivista digitale “Education 2.0”. E' stato deputato al Parlamento Europeo, dove è stato vicepresidente della Commissione Affari Giuridici e membro della Commissione Cultura e Scuola. Sposato con Marcella, ha due figli, Iole e Aldo.

 

Antonio Campo Dall'Orto

Nato a Conegliano (TV) il 18 novembre 1964 è un dirigente d'azienda. Per due anni, dal 2015 al 2017, direttore generale della RAI. Precedentemente ex Vice Presidente Esecutivo Viacom International Media Networks e Direttore generale della stessa azienda per i Paesi del Sud Europa, Africa e Medio Oriente. Laureato in Economia nel 1988 presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha esordito nel 1989 entrando a far parte di IMS Europe a Madrid come Responsabile Analisi Settoriali del Marketing Strategico. E’ stato poi vicedirettore di Canale 5 a Mediaset. Nel 1997 assume la guida di MTV Italia. Nel 2003 viene nominato direttore di La7, continuando a mantenere anche la guida di MTV. Nel 2005 assume la carica di direttore generale Television di Telecom Italia Media. Nel 2007 diventa Amministratore Delegato Telecom Italia Media. Come Vice Presidente Esecutivo di Viacom International Media Networks, ha avuto il compito di definire le strategie editoriali e creative del network giovanile a livello mondiale, pur continuando a mantenere anche le cariche di Presidente di MTV Italia e di Direttore generale di Viacom International Media Networks per i paesi del Sud Europa, dove oltre a gestire MTV ha curato anche tutti gli altri brand che fanno capo al media network, tra cui Comedy Central, Nickelodeon e BET.

 

Giovanni Castellaneta

Nato a Gravina in Puglia (BA) l'11 settembre 1942. Entrato in servizio al Ministero degli Esteri nel 1967, ha svolto la sua attività diplomatica come ambasciatore d'Italia in Iran (1992-1995), in Australia (1998-2001) e negli Stati Uniti d'America (2005-2009), ed inoltre ha ricoperto ruoli diplomatici in Francia Svizzera, Belgio, Portogallo e Somalia. E' stato responsabile del governo italiano per la ricostruzione in Albania. È stato inoltre consigliere diplomatico del Presidente del Consiglio dei Ministri e suo rappresentante personale per i vertici del G8 del 2001 e del 2005, consigliere diplomatico del ministro dell'Economia e portavoce del ministro degli Affari Esteri. In seguito stato presidente del consiglio di amministrazione di SACE, società per azioni del gruppo Cassa Depositi e Prestiti specializzata nel settore assicurativo-finanziario, e consigliere d'amministrazione di Finmeccanica, di cui è stato anche vicepresidente. È presidente delI'Italfondiario e dal 2015 presidente di doBank, già UniCredit Credit Management Bank, banca leader in Italia nella gestione dei NPL. E' stato presidente di Bizzi & Partners Development. Dal 2017 è segretario generale dell’Iniziativa Adriatico-Ionica, organizzazione internazionale per la cooperazione costituita da Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Grecia, Italia, Montenegro, Serbia, Slovenia.

 

 

Barbara Contini

Nata a Milano il 22 settembre 1961, è una funzionaria delle organizzazioni internazionali, esperta di politica e sicurezza internazionale. Laureatasi in scienze politiche e in lingue e giapponese all’Università di Napoli “L’Orientale”, è esperta di peacekeeping, negoziazioni internazionali e gestione delle emergenze. Parla e scrive correttamente inglese, francese, spagnolo, giapponese, con comprensione del serbo-croato e dell’arabo. Ha conseguito diversi master nazionali ed internazionali relativi agli studi di negoziazione internazionale, contrattualistica industriale, cooperazione e sviluppo in aeree di crisi, management e marketing e gestione d’azienda. Ha lavorato circa 30 anni all’estero soprattutto in aree di crisi e Paesi in via di sviluppo, tra cui Bangladesh, Sudan, Thailandia, Cile, Nigeria, Giappone, India, Etiopia, Tunisia, Marocco, Egitto, Nigeria, Senegal, Mozambico, Kenya, Mauritania, Perù, Brasile, Cile, Argentina. Dal 1998 al 2002 risiede in Bosnia Erzegovina come Direttore Regionale dell’OSCE. La sua notorietà internazionale è legata al ruolo di governatore della provincia irachena di Nassirya, su nomina dell’autorità provvisoria a guida americana, durante gli anni della guerra in Iraq. Nel 2008 è stata eletta al Senato della Repubblica, dove ha fatto parte delle Commissioni Esteri e Difesa. È membro dell’Istituto Affari Internazionali, e dal 2009 al 2015 è stata presidente degli Ospedali Italiani nel Mondo.

 

Alain Elkann

Nato a New York il 23 marzo 1950 da padre francese e madre italiana, si laurea in giurisprudenza all’Università di Ginevra. Ha sposato nel 1975 Margherita Agnelli, figlia del presidente della FIAT Gianni Agnelli, dalla quale ha avuto tre figli, dei quali due hanno intrapreso la strada imprenditoriale: John Elkann e Lapo Elkann. E' docente alla UPENN - University of Pennsylvania. E’ stato allievo di Alberto Moravia e di Indro Montanelli. Ha scritto decine di libri, romanzi e saggi, alcuni dei quali tradotti in oltre 15 lingue, ed inoltre un libro insieme on il re giordano Abdullah. Ha ricevuto numerosi prestigiosi premi letterari. È anche giornalista televisivo, conduttore dal 1991 di programmi di approfondimento culturale su reti nazionali. Collabora con varie testate giornalistiche, fra cui La Stampa, Amica, Il Messaggero e Capital. E’ stato membro del consiglio di amministrazione dell’Università IULM di Milano, ed è stato presidente della Fondazione Museo delle Antichità Egizie di Torino. Negli Stati Uniti è presidente della Foundation for Italian Art and Culture di New York. Dal 2007 è presidente della Fondazione Città Italia. Dal 2008 al 2013 è stato consigliere per gli eventi culturali e per i rapporti con l'estero del ministro dei Beni e delle Attività Culturali. Ha condotto Bookstore, programma in onda il sabato mattina su La7.

 

Massimo Ferragamo

Nato a Fiesole (FI) il 1 settembre 1957, dopo aver completato gli studi e il programma di formazione alla Saks Fifth Avenue dal 1985 ha assunto la guida di Ferragamo USA Inc., diventando il rappresentante negli USA di una delle più prestigiose case di moda italiane, che sin dagli anni Cinquanta ha scelto di presentarsi e proporsi direttamente sul mercato americano. Erede in America di Salvatore Ferragamo, stilista calzaturiere campano, che emigra negli Stati Uniti dove raggiunge presto un grande successo, e fonda successivamente in Italia l’azienda che in seguito estenderà la sua attività anche alle borse, all’abbigliamento, profumi, occhiali, orologi e gioielli. Successivamente l'azienda, che vanta un fatturato vicino al miliardo di euro, con oltre tremila dipendenti, viene quotata in borsa e immette sul mercato il 48 per cento delle azioni (il restante rimane in mano alla famiglia Ferragamo). Massimo Ferragamo dal 1997 è anche membro negli USA del consiglio di amministrazione di Yum!Brands, società quotata alla NYSE. E’ inoltre consigliere dell’American Italian Cancer Foundation e della Foundation for Italian Art and Culture. Dal 2013 ha acquistato e gestisce la prestigiosa tenuta Castiglion del Bosco a Montalcino, in Toscana, uno dei più vasti possedimenti privati della Toscana, con un’estensione di 1800 ettari, che include 23 suites esclusive, ville, botteghe, campi da golf, percorsi per biking e mountain bike, ristoranti.

 

Giampiero Gramaglia

Nato a Saluzzo (CN) il 22 giugno 1950, inizia la carriera di giornalista nel 1972 con alcuni quotidiani locali. Dopo essere stato agli esordi cronista degli Anni di Piombo in Italia, ha sempre seguito l'attualità internazionale e l'attività diplomatica, con speciale attenzione per le organizzazioni multilaterali. Nel 1979 diviene corrispondente da Bruxelles della Gazzetta del Popolo. Nel 1980 entra a far parte dell'ANSA, e nel 1984 diventa il direttore della sede di Bruxelles dell'agenzia, all'interno della quale svolgerà la sua carriera giornalistica divenendo prima caporedattore, poi responsabile delle redazioni estere e nel 1997 vicedirettore con delega alle redazioni estere. Nel 1999 dirige l'ufficio dell'ANSA a Parigi e dal 2000 l'ufficio dell'ANSA a Washington fino al 2006, anno in cui è nominato direttore responsabile dell'agenzia. L'incarico di direttore dell'ANSA termina nel 2009, quando diviene editorialista de Il Fatto Quotidiano. Contestualmente, diventa anche consigliere per le comunicazione dell'Istituto Affari Internazionali. Dal 2010 al 2011 ricopre la carica di direttore dell'Agence Europe. Dal 2012 al 2013 è direttore editoriale de L'Indro. E' stato direttore di Euractiv.it, portale italiano di Euractiv.com, media online dedicato alle politiche europee. E' stato inoltre vicedirettore e responsabile della sede di Roma dell'agenzia giornalistica La Presse. E’ responsabile della comunicazione della Fondazione Italia USA.

 

Emilio Iodice

Nato a New York il 13 aprile 1946. Economista, docente e diplomatico americano, è direttore emerito del campus di Roma della Loyola University Chicago, fondata nel 1870 ed attualmente una delle più importanti università degli Stati Uniti. E' inoltre docente di leadership presso la stessa Loyola University Chicago, di cui è stato a lungo vicepresidente. Ha anche ricoperto, nella sua carriera diplomatica, la carica di ministro consigliere per gli Affari Commerciali presso le ambasciate degli Stati Uniti a Roma, Parigi, Città del Messico, Brasilia e Madrid. E' stato professore di business presso la Trinity University in Texas, ed in precedenza vicepresidente esecutivo di Skylink USA, e vicepresidente di Lucent Techonologies. Come economista, è stato diretto consigliere di quattro presidenti degli Stati Uniti, alla Casa Bianca. Ha ricevuto per questa attività numerosi riconoscimenti, tra cui le medaglie d'oro e d'argento del governo americano per meriti di servizio. E' stato nominato a soli 33 anni dal presidente degli Stati Uniti nel prestigioso Senior Executive Service, divenendo il più giovane funzionario governativo americano a ricoprire questa posizione. E' stato membro presso la Casa Bianca del Councils of the President of the United States for International Economic Policy and for Export Expansion. E' autore di numerosi libri, tra cui "Profiles in leadership from Caesar to modern times", "Future Shock 2.0, The dragon brief", "Reflections, stories of love, leadership, courage and passion", "2016, selecting the president", "When Courage was the Essence of Leadership: Lessons from History".



Catia Polidori

Nata a Città di Castello (PG), il 3 luglio 1967. Si laurea con lode in scienze economiche e bancarie presso l'Università di Siena, con una tesi in economia politica dal titolo "Analisi dei recenti mutamenti politico-istituzionali". Dopo la laurea, compie un periodo di ricerca presso l'Harvard Business School e l'Harvard University di Boston sul tema "Un nuovo stile di managerialità: humanistic management". Nel 2007 consegue, con il massimo dei voti, il titolo di dottore di ricerca in Scienze della Formazione discutendo una tesi dal titolo "La leadership organizzativa: la funzione pedagogica del management". Tiene negli anni numerosissimi corsi e docenze presso varie università italiane, come cultore della materia e docente a contratto, sui temi del lavoro, dell'economia, della formazione e del marketing. Imprenditrice, ha da sempre collaborato con le principali aziende di famiglia: Polidori Costruzioni, Errepielle Lavorazioni Lamiere, Ceramisia Gruppo Ceramico, dedicandosi allo sviluppo delle attività finanziarie. Dal 1987 al 1989 ha seguito la Polidori Strade nella costruzione del traforo del Brennero per le ferrovie austriache, curando anche i rapporti con il personale straniero. Nel 2005 è stata eletta all'unanimità presidente nazionale dei Giovani Imprenditori di Confapi. Alle elezioni politiche del 2008 è stata candidata ed eletta alla Camera dei Deputati. Rieletta alla Camera dei Deputati anche nel 2013, fa parte della Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo e della delegazione presso l'Assemblea Parlamentare dell'Iniziativa Centro Europea. Nel 2011 è stata viceministro dello Sviluppo Economico, con delega al commercio estero e made in Italy.

 

Alessandra Rizzo

Nata a Roma il 6 gennaio 1973, laureata in scienze politiche con il massimo dei voti alla Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma, specializzata in relazioni internazionali, giornalista professionista, vive a Londra ed è attualmente producer, political reporter e editor presso la rete televisiva Sky News, del gruppo Murdoch. In precedenza è stata a lungo political correspondent presso Associated Press, la più grande agenzia di stampa al mondo, seguendo importanti eventi come i G8 e i vertici europei e viaggiando come inviata a Bruxelles e Washington. Sempre per Associated Press ha lavorato presso il desk dell’agenzia a New York, seguendo in particolare i lavori delle Nazioni Unite. E’ stata anche per alcuni anni senior desk editor presso l’agenzia di stampa Thomson Reuters a Londra, ha collaborato con Wall Street Journal e con il quotidiano La Stampa. Inoltre collabora da molti anni su temi di politica internazionale con Aspenia, il magazine online dell’Aspen Institute, e segue in particolare la politica estera ed interna britannica.

 

 

Cesare Romiti

Nato a Roma il 24 giugno 1923. Laureato a pieni voti in scienze economiche e commerciali. Nel 1947 lavora per il Gruppo Bombrini Parodi Delfino, azienda di Colleferro, di cui assumerà la carica di direttore generale. Nel 1968, sempre a Colleferro, ricopre la stessa carica nella Snia Viscosa dopo la fusione con la sua ex azienda. Due anni più tardi l'Iri lo nomina direttore generale prima e amministratore delegato poi della compagnia aerea Alitalia. Lavora per un breve periodo (1973) alla Italstat, azienda che lascia per approdare al gruppo Fiat, dove nel 1976 diventa direttore generale. Nella casa automobilistica riveste successivamente (1996-1998) il ruolo di presidente e amministratore delegato (succedendo a Vittorio Ghidella). Dopo l'uscita dalla Fiat fonda la società finanziaria Gemina che controlla Rcs, di cui è presidente dal 1998 al 2004, e la società di costruzioni e ingegneria Impregilo, ne manterrà il controllo sino all'anno 2005 e la presidenza sino al 2006, In seguito, abbandona la Presidenza di RCS Quotidiani per assumere quella di presidente onorario di Rcs MediaGroup. Dal maggio 2005 è nel patto di sindacato degli Aeroporti di Roma. Nel 2007 avviene l'uscita della famiglia Romiti dall'azionariato di Impregilo. Ha costituito nel 2003 la Fondazione Italia-Cina, che tuttora presiede, la quale raduna decine di personalità imprenditoriali ed aziende interessate al mercato cinese.

 

 

Michele Scannavini

Nato a Ferrara il 21 aprile 1959. Manager internazionale, ha gestito business ed organizzazioni con responsabilità crescenti in diversi settori industriali, in particolare in quello del lusso. Dopo aver conseguito, nel 1984, la laurea in economia e commercio all’Università Bocconi a Milano, inizia la sua carriera ricoprendo posizioni in ambito marketing, presso prestigiose realtà come Procter & Gamble, Galbani e Ferrari, di cui è direttore marketing e direttore commerciale dal 1992 al 1998. Nel 1999 approda in Fila (leader nell’abbigliamento sportivo) come amministratore delegato. Nel 2002 lascia l’Italia e entra in Coty, leader nel settore dei profumi e cosmetica, con sede a Parigi e New York. Qui ricopre il ruolo di presidente di Coty prestige, la divisione lusso del gruppo, per poi diventare, nel 2012, CEO di Coty Group e guidarne, nel 2013, la quotazione al NYSE negli Stati Uniti. Dal 2015, è membro del CDA di Tod’s Group. Nel giugno 2016 ha assunto l’incarico di presidente dell'Agenzia ICE, ente per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, a sostegno delle esportazioni e degli investimenti italiani nel mondo e per favorire gli investimenti esteri in Italia.

CENTRO STUDI COMUNICARE L'IMPRESA

Il Centro Studi Comunicare l’Impresa opera dal 1993, nel settore della formazione d’eccellenza e della consulenza ai settori produttivi.

La Scuola organizza percorsi formativi “tailor made” attivando Master e Corsi di Alta Specializzazione rivolti a laureati e laureandi che intendano collocarsi con successo in un mercato del lavoro in rapida evoluzione e desiderosi di investire in una formazione in grado di valorizzare capacità e competenze individuali.